Requisiti speciali – Mezzi di prova diversi da quelli previsti dal Codice – Nullità (art. 83 , Allegato XVII d.lgs. n. 50/2016)

TAR Lecce, 09.10.2019 n. 1538

In conformità al principio di tassatività delle cause di esclusione ex art. 83, comma 8 del D. Lgs. n. 50/2016, le Stazioni Appaltanti non possono richiedere mezzi di prova diversi da quelli di cui all’articolo ed Allegato XVII (…). Quest’ultimo, alla lettera a), punto ii), prescrive che la dimostrazione in questione possa essere fornita mediante “un elenco delle principali forniture o dei principali servizi effettuati negli ultimi tre anni, con indicazione dei rispettivi importi, date e destinatari, pubblici o privati”. Le attestazioni fornite dall’ATI – omissis – contengono tutti i suddetti elementi, con soddisfazione, quindi, della dimostrazione del requisito richiesto e che, si ripete, ai sensi del principio di tassatività delle cause di esclusione, non poteva essere che quello di cui alle norme citate. (…)
Non vi è dubbio circa il fatto che i certificati rilasciati da altre stazioni appaltanti (…) non [possono] essere comprensivi di un giudizio circa la qualità del servizio svolto (…) in quanto ciò realizzerebbe un’ipotesi di nullità della prescrizione del Disciplinare per violazione del principio di tassatività delle ipotesi di esclusione dalle gare pubbliche.