Fornitura con posa in opera: quale differenza rispetto alla fornitura senza posa in opera?

La giurisprudenza contiene una serie di esempi in risposta al quesito, ma un vero e proprio criterio di distinzione è individuabile nell’assunto secondo il quale la fornitura “con” posa in opera “implica lo svolgimento di una prestazione accessoria e strumentale rispetto a quella principale di consegna del bene e consistente in un complesso di attività necessarie all’utilizzo ed al funzionamento del bene medesimo, tali da renderlo operativo”; mentre nella fornitura “senza” posa in opera “il bene potrebbe essere immediatamente utilizzato dopo la sua consegna da qualsivoglia utente, anche se privo di particolari competenze o conoscenze tecniche (si pensi, volendo fare un esempio molto semplice, alla consegna di un mobile o di un altro elemento di arredamento già assemblato)”.
Ciò che rileva, pertanto, è la fruibilità, o meno, da parte del destinatario dei beni oggetto della fornitura, nel senso che laddove si rendano necessarie attività ulteriori (strumentali, accessorie o secondarie per loro natura) rispetto alla mera consegna del bene, l’appalto si configura come fornitura con posa opera.

HAI UNA DOMANDA SULL'ARGOMENTO? DESIDERI UNA CONSULENZA DEDICATA? COMPILA IL MODULO SEGUENTE E SCOPRI I SERVIZI DI CONSULENZA APPALTI E SUPPORTO SPECIALISTICO GARE E FORMAZIONE DI SENTENZEAPPALTI.IT

Richiesta:*

Nome, cognome, Ente o Società:*

Email:*

N.B. I servizi sono attivabili su richiesta e modulabili sulla base di specifiche esigenze e richieste. Per ulteriori informazioni si invita a visitare le pagine dedicate del sito oppure a contattare info@sentenzeappalti.it.

PRIVACY. Letta l’informativa sulla privacy, si acconsente all’utilizzo dei dati inseriti nel presente modulo ed all’invio di eventuale materiale informativo. 

Accettazione privacy*