Ammissibilità del ricorso avverso l’aggiudicazione

SeA no name miniTAR Trento, 11.06.2014 n. 230
(sentenza integrale)
(estratto)
Il ricorso contro l’aggiudicazione è inammissibile quando, dall’esperimento della c.d. prova di resistenza, risulti che il ricorrente non sarebbe comunque risultato aggiudicatario neppure in caso di accoglimento del gravame
( Cons. di Stato, sez. IV, 13.12.2013, n.6008; sez. V, 29.3.2011, n. 1928, sez.VI, 10 settembre 2008, n. 4326).
Infine, sotto un ulteriore profilo, va rammentato che l’utilità che il ricorrente tende a conseguire deve derivare in via immediata e secondo criteri di regolarità dall’accoglimento del ricorso e non dipendere, in via mediata, dal verificarsi di eventi incerti o potenziali, quali, ad esempio, l’esito del sub procedimento di verifica dell’anomalia o la rinuncia all’appalto (Cons. di Stato, Sez. IV, 12.2.2007, n. 587).

www.giustizia-amministrativa.it