Appalto integrato – Progettazione – Raggruppamento temporaneo tra professionisti – Soggetti “non progettisti” (nella specie consulenti) – Obbligo di rendere le dichiarazioni in ordine ai requisiti generali – Sussiste (Artt. 38, 90)

Consiglio di Stato, sez. VI, 04.01.2016 n. 15
(testo integrale)

“Non v’è dubbio che – sottoscrivendo in tali termini l’impegno alla costituzione del raggruppamento – i professionisti abbiano assunto una responsabilità in ordine al risultato complessivo, a nulla rilevando la circostanza che essi non siano stati indicati come componenti del gruppo di progettazione.
Proprio in relazione a tale compartecipazione nell’esecuzione della progettazione, i professionisti non progettisti – in quanto componenti del raggruppamento – sono da ritenersi co-obbligati nei confronti della stazione appaltante: sicché anche con riguardo alla loro posizione vale quanto affermato dal giudice di primo grado che – richiamando sul punto la sentenza di questo Consiglio di Stato n. 775 del 2015 – ha rilevato come la “ratio agevolatrice del concorrente (ancorché ‘unico’) consistente nella prevista possibilità di indicazione del progettista non può incidere sulla necessità che sia garantita – quanto meno tendenzialmente – l’affidabilità e l’onorabilità nei riguardi di chi venga comunque in rapporto diretto con la pubblica amministrazione, indipendentemente dal soggetto (il concorrente) destinatario del pagamento del corrispettivo e su cui ricada l’eventuale responsabilità da inadempimento”.
Del resto, come pure si osserva nella sentenza impugnata, al raggruppamento temporaneo di professionisti è applicabile – in virtù del rinvio operato dall’articolo 90, comma 1, lettera g), del Codice dei contratti pubblici – il principio dettato dall’articolo 37, comma 5, del medesimo codice, ai sensi del quale “l’offerta dei concorrenti raggruppati o consorziati determina la loro responsabilità solidale nei confronti della stazione appaltante, nonché nei confronti del subappaltatore e dei fornitori”.
E’ invece inammissibile – prima che irrilevante, in relazione alla inapplicabilità alla specie del richiamato articolo 38, comma 2 bis, del Codice dei contratti pubblici – la documentazione prodotta, per la prima volta in appello, a dimostrazione della sussistenza, anche con riguardo ai consulenti non progettisti, dei requisiti di moralità.
Il raggruppamento appellante non ha infatti provato, ai sensi dell’articolo 104, comma 2, che la mancata produzione di tale documentazione nel giudizio di primo grado è dovuta a causa ad esso non imputabile.
Deve quindi ritenersi, concludendo sul punto, che i professionisti in questione – in quanto co-obbligati al risultato finale, seppure non sottoscrittori del progetto – fossero tenuti a rendere le dichiarazioni previste, a pena di esclusione dalla gara, dall’articolo 4.4 del disciplinare”.